Item #204

 

Lingue naturali e lingue artificiali: la sintassi dell'inglese e dell'esperanto

Description

La tesi applica al confronto diretto tra l'inglese e l'esperanto l'esame comparativo delle proprietà linguistiche, che John Hawkins (1986) ha proposto per l'inglese e il tedesco. Seguendo un punto di vista universale-tipologico, Hawkins giunge a generalizzazioni sui contrasti osservati, riguardanti tra gli altri l'ordine delle parole e le relazioni grammaticali, basandosi sugli aspetti semantici delle variazioni morfologiche e sintattiche. Il confronto tra brani letterari nella versione originale inglese con quella tradotta in esperanto, permette di concludere che l'esperanto presenta strutture sue proprie al pari di una lingua naturale. Inoltre, la lingua di Zamenhof risulta tipologicamente più affine al tedesco che non all'inglese per una maggiore libertà nell'ordine dei costituenti della frase e in generale per una minore discrepanza tra sintassi e semantica.

Creator
Date

1991

Rights

Tutti i diritti riservati

Language
Relatore

Berbini, Giuliano

Università

Università degli Studi di Pavia

Facoltà

Lettere e Filosofia

Corso di laurea

Lingue e Letterature Straniere Moderne

Numero pagine

60

Citation
Paola Pruzzi, Lingue naturali e lingue artificiali: la sintassi dell'inglese e dell'esperanto, Università degli Studi di Pavia, 1991, accessed August 7, 2020, http://www.bitoteko.it/items/show/204
Output Formats
Social Media
Files
1991-pruzzi.pdf