Item #1121

 

Le fonti slave dell'esperanto

Description

L’esperanto nasce, muove i suoi primi passi e conosce i suoi primi successi all'interno di un triangolo i cui vertici sono Varsavia, Mosca e Pietroburgo; il peso delle lingue slave nella sua struttura è quindi uno dei primi oggetti di discussione tra sostenitori e detrattori della nuova lingua. La tesi dell'autrice del saggio è che si possa convenire che, fatti salvi i casi in cui si limita ad applicare i suoi due principi guida (l’invariabilità dei radicali e la trasparenza della derivazione), l’esperanto accoglie in sé di preferenza tratti che siano comuni ad almeno due famiglie linguistiche (slavo-germanica o romano-germanica)

Source

Date

2011

Rights

Creative Commons BY-NC-ND (attribuzione, non commerciale, non opere derivate)

Language
Type
Identifier

DOI: 10.13128/Studi_Slavis-10541

Citation
Nicoletta Marcialis, Le fonti slave dell'esperanto, Firenze University Press, 2011, accessed October 24, 2020, http://www.bitoteko.it/items/show/1121
Output Formats
Social Media
Files
Le_fonti_slave_dell_esperanto.pdf