Item #1022

 

Esperantofonia precoce: uno studio sulla lunghezza media dell'enunciato

Description

La tesi considera l’effetto del plurilinguismo sullo sviluppo della lunghezza media dell’enunciato in parole da parte di soggetti plurilingui, tra i 10 e i 52 mesi, rispetto a soggetti monolingui italiani e inglesi. Tutti e sei i soggetti della ricerca sono esposti precocemente, da uno dei genitori, all’Esperanto. Dallo studio emerge che anche i parlanti di esperanto usufruiscono dei benefici del plurilinguismo e l’esperanto sembra comportarsi a tutti gli effetti come le altre lingue naturali. Infatti la lunghezza media dell’enunciato in parole dell’esperanto risente della frequenza d’uso e dall’intensità dei contatti che i soggetti hanno con il genitore che lo parla. La tesi evidenzia anche problemi, come il fatto che generalmente sono i padri, tendenzialmente più assenti, e non le madri a parlare esperanto con i figli, oppure l’insufficiente diffusione di libri in esperanto per bambini.

Date

2004

Rights

Tutti i diritti riservati

Language
Relatore

Pinto, M.A.

Longobardi, E.

Università

Università degli Studi di Roma "La Sapienza"

Facoltà

Psicologia

Corso di laurea

Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione

Numero pagine

167

Citation
Mariella Costantini, Esperantofonia precoce: uno studio sulla lunghezza media dell'enunciato, Università degli Studi di Roma "La Sapienza", 2004, accessed October 21, 2020, http://www.bitoteko.it/items/show/1022
Output Formats
Social Media
Files
Costantini, M_Tesi Esperantofonia precoce 2004 167 p..pdf