Item #1015

 

Esperanto: utopia o soluzione inefficace?

Description

La tesi si interroga su quali siano gli ostacoli che non hanno permesso all’esperanto di diventare lingua veicolare internazionale e su quale possa essere il suo futuro, grazie all’aiuto di questionari sottoposti via posta elettronica a diversi esperantisti di nazionalità differenti. Da parte di esperantisti italiani e di altri paesi non anglofoni emerge soprattutto la consapevolezza degli ostacoli economici e politici che ne frenano l’adozione. Nessuno di loro nega la sua possibilità di affermarsi in futuro, ma il potere decisionale è nelle mani di istituzioni. Gli esperantisti inglesi, invece, tendono a sottolinare la non necessità di imparare un’altra lingua, avendo già il mondo a disposizione l’inglese come lingua franca e la possibilità di perfezionare traduttori per comunicare internazionalmente. Nella loro prospettiva, il fine dell’esperanto oggi è mantenere viva la comunità esperantista, grazie anche all’aiuto di internet, anche se l’esperanto non potrà sostituire l’inglese. Da parte sua, l’autrice, esperantista autodidatta, suggerisce che, se si riuscisse a diffondere una consapevolezza dei vantaggi dell’esperanto, si riuscirebbe ad ottenere un sostegno più significativo da parte dei cittadini.

Date

2016

Rights

Tutti i diritti riservati

Language
Relatore

Cuzzolin, Pierluigi

Università

Università degli Studi di Bergamo

Facoltà

Lingue, Letterature Straniere e Comunicazione

Corso di laurea

Lingue e Letterature Straniere Moderne

Numero pagine

45

Citation
Linda Bergamaschi, Esperanto: utopia o soluzione inefficace?, Università degli Studi di Bergamo, 2016, accessed October 30, 2020, http://www.bitoteko.it/items/show/1015
Output Formats
Social Media
Files
Tesi triennale_linda bergamaschi.doc